Addio a Dennis Davis, il batterista di David Bowie

Pubblicità
Pubblicità
 

Il 2016, con la scomparsa di David Bowie il 10 gennaio, non avrebbe potuto aprirsi in modo peggiore. Oggi ci tocca annunciare un’altra triste notizia, legata in qualche modo all’eclettico artista inglese: è morto Dennis Davis, il batterista famoso proprio per la sua collaborazione con David Bowie durata ben sette album registrati fra il 1975 e il 1980. Dischi come Scary Monsters, l’immortale Heroes, Young Americans, Low; Davis ha anche suonato dal vivo nei concerti di quel periodo. Nella sua lunga carriera non solo David Bowie però, la sua batteria suona anche nell’album The Idiot di Iggy Pop, ha poi collaborato con George Benson, Steve Wonder, Jermaine Jackson.

Tony Visconti, il produttore di David Bowie, ha detto di lui: “Ha donato la sua anima da batterista jazz al mondo del rock, creando suoni incredibili. Basta ascoltare Black Out per capire la sua forza, oppure Scary Monsters, in cui fa cose impensabili ai più. È stato uno degli artisti più creativi con cui abbia mai lavorato.”

- Pubblicità -

correlati

Aurora Penne rende omaggio all’acqua con la Collezione Oceani

Aurora Penne presenta la collezione di penne stilografiche Oceani, prestigiosi strumenti di scrittura dal design morbido e raffinato che traggono ispirazione dalle curve sinuose delle onde...

Kurt Cobain e il Grunge negli scatti di Peterson e Lavine a Firenze

A Firenze riapre Peterson – Lavine. Come as you are: Kurt Cobain and the Grunge Revolution; la mostra inaugurata lo scorso marzo, chiusa dopo pochi...

Val di Fassa Panorama Music: concerti ad alta quota sulle Dolomiti

Musica eco-compatibile e paesaggi alpini d’alta quota. Val di Fassa Panorama Music affronta questo difficile momento per la musica dal vivo investendo ulteriormente sulla...

Piano City Milano preludio 2020, evento simbolico

Piano City Milano vuole dare un contributo alla ripartenza di Milano e organizza per venerdì 22, sabato 23 e domenica 24 maggio tre giorni...
Pubblicità