A Milano i ritratti avvolti nella nebbia dei Miaz Brothers

Pubblicità
Pubblicità
 

La galleria Wunderkammern Milano ospita fino all’8 aprile Hazy state of affairs, la mostra personale del duo italiano Miaz Brothers (Roberto e Renato, Milano, 1965 e 1968).

Nella loro mostra personale Hazy state of affairs a Wunderkammern Milano, il duo meneghino ci propone delle opere divengono metafora dello stato della società contemporanea in cui la verità degli eventi è offuscata ed alterata e resta impossibile da comprendere. L’estetica dei Miaz Brothers costruisce le sue fondamenta sui meccanismi dell’interpretazione.

Miaz Brothers mostra milano

Essa attua un cortocircuito tra realtà ed immaginazione, certezza e dubbio. Si è attratti dalle delicate ed eteree sfumature di colore, e si è allo stesso tempo invitati a prendere distanza dal dipinto per sintetizzare l’immagine.

Non esistono linee che delimitano il soggetto, né sono riconoscibili i dettagli tipici della ritrattistica. Le opere sono simultaneamente astratte e figurative e l’osservatore è costretto ad interpretare in maniera soggettiva l’immagine di una verità sfocata.

Miaz Brothers: sociologia e fisica per ritrarre la società contemporanea

La poetica del duo Miaz Brothers muove la sua indagine sul doppio binario della fisica e della sociologia, traducendole in una serie di ritratti che sono le icone del nostro tempo.

Miaz Brothers mostra milano

In questa serie di ritratti si prende in considerazione anche la fisica alla base della composizione dei nostri corpi, i cui atomi di carbonio sarebbero in continuo movimento, facendo quindi risultare la realtà perennemente sfumata.

La nebulizzazione del colore acrilico, applicato sulla tela come disegno preparatorio, traduce queste teorie, spaziando dalla rielaborazione della ritrattistica cinquecentesca a quella ottocentesca fino allo stile dei manga giapponesi.

I Miaz Brothers hanno sempre favorito luoghi espositivi non convenzionali per la potenzialità di questi ambienti di incoraggiare una reazione spontanea del pubblico. Ad inizio carriera, in piena fase di sperimentazione, i due fratelli hanno viaggiato in tutto il mondo ed esplorato diverse tecniche artistiche, tra le quali video, pittura e fotografia.

Miaz Brothers mostra milano

Gli artisti sono oggi celebri per il loro approccio innovativo e originale al ritratto: attraverso un uso sapiente degli acrilici producono opere enigmatiche ed evocative, nelle quali la rappresentazione appare  appunto completamente sfocata.
Stimolando associazioni mnemoniche e personali nella mente dell’osservatore, il loro lavoro aspira ad attivare la nostra percezione visiva e cognitiva.

Leggi anche: Kandinskij porta l’astrattismo russo al MUDEC di Milano

correlati

Swarovski celebra 125 anni di brillante maestria artigianale

La nuova Collezione Autunno 2020 di Swarovski continua a celebrare 125 anni di ricca tradizione, storia e impegno per creazioni dal meraviglioso scintillio. Cinque generazioni...

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...

Orientarsi con le stelle, la mostra collettiva alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano ospita la mostra Orientarsi con le stelle nata da un’idea di Red...
Pubblicità