In mostra a Milano un capolavoro di Rodin ritrovato dopo oltre un secolo

Pubblicità
Pubblicità
 

Il 30 maggio in occasione del centenario della morte di Auguste Rodin (1840-1917), la casa d’aste Artcurial batterà in asta Andromède, una rara scultura in marmo, dalla storia estremamente affascinante.

Prima di essere battuta all’asta l’opera di Rodin sarà esposta presso la stessa casa d’aste a Milano, da giovedì 4 a sabato 6 maggio 2017.

Si tratta di una scultura databile intorno al 1887 che pur essendo rimasta sempre nelle mani della famiglia Morla fece di fatto perdere le tracce. Fino ad oggi, quando dopo 130 anni i due direttori associati di Artcurial, Stéphane Aubert e Bruno Jaubert l’hanno scovata.

Una storia affasciante: tra collezionismo e patrimonio nazionale

La storia della Andromède inizia nel 1888 quando il diplomatico cileno Carlos Lynch de Morla, stanziatosi a Parigi, chiese al suo amico Rodin di immortalare sua moglie in un busto marmoreo.  Il capolavoro realizzato dall’artista poi venne esposto presso il Salon National des Beaux-Arts lo stesso anno. 

Rodin Milano
Auguste Rodin, Louise Lynch de Morla Vicuña, 1884, marmo

In qualità di patrono delle arti e amico di Francia, Carlos Lynch de Morla alla fine acconsentì alla cessione del busto, permettendone così l’ingresso nel patrimonio pubblico francese. Il ritratto originale è oggi visibile presso il Musée d’Orsay.

In segno di riconoscenza Rodin donò quindi un’altra opera in marmo alla famiglia cilena: il corpo nudo di una giovane donna, accovacciata su una roccia, l’Andromède appunto.

Cinque esemplari dell’opera di Rodin sparsi per il mondo

Tre dei cinque esemplari esistei dell’Andromède sono attualmente esposti presso importanti istituzioni museali: il Philadelphia Rodin Museum, il Musée Rodin di Parigi e il Musée National des Beaux-Arts di Buenos Aires.

Una quarta versione fa invece parte di una collezione privata in seguito alla vendita in asta, circa una decina di anni fa.  Mentre della quinta scultura, si erano perse le tracce dopo che nel 19030 venne segnalata nelle mani della famiglia Morla da Georges Cluster, primo curatore del Museo Rodin.

Andromède Rodin MilanoLa copia della famiglia Morla, costituisce l’esemplare più fedele alla trascrizione naturalistica. Ereditata di generazione in generazione, l’opera ha preservato in maniera visibile il profondo legame di rispetto e amicizia esistente tra “l’amico cileno” e Auguste Rodin.

Prima di Milano il capolavoro è stato esposto a Parigi dal 18 al 28 marzo e successivamente nelle altre sedi europee di Artcurial a Bruxelles, Vienna. La stima dell’opera è €800,000-1,200,000.

Leggi anche: Stanze d’artista. Capolavori del ’900 italiano, in mostra alla Galleria d’Arte Moderna di Roma

correlati

Prima, Donna. Gli scatti di Margaret Bourke-White a Milano

Dal 25 settembre al 14 febbraio Palazzo Reale ospita a Milano Prima, Donna. Margaret Bourke-White, una raccolta inedita, di alcune delle più straordinarie immagini realizzate dalla...

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...

Orientarsi con le stelle, la mostra collettiva alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano ospita la mostra Orientarsi con le stelle nata da un’idea di Red...
Pubblicità