Al via il National Geographic Festival delle Scienze

Pubblicità
Pubblicità
 

Ai nastri di partenza la dodicesima edizione del Festival della Scienze, che quest’anno prende il nome di National Geographic Festival delle Scienze grazie alla partnership siglata tra la manifestazione e National Geographic.

Una collaborazione che nasce dalla convinzione profonda da parte di National Geographic, che la scienza, l’esplorazione e lo storytelling possano essere i motori di cambiamento del nostro mondo. Ed è esattamente il cambiamento il tema dell’edizione di quest’anno, in programma dall’11 al 14 maggio presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma.

Ad aprire il festival, mercoledì 10 maggio, sarà una serata speciale ad inviti dedicata all’anteprima di GENIUS: EISTEIN, la serie tv prodotta dal Premio Oscar Ron Howard con Geoffrey Rush e Emily Watson, in onda su National Geographic (canale 403 di Sky) da giovedì 11 maggio alle 20.55.

Ma sono tante le attività targate National Geographic previste nel ricco programma del festival. Prima tra tutte l’incontro con la stampa giovedì 11 maggio alle 12.00presso lo Studio 3 dell’Auditorium Parco della Musica che vedrà come ospite d’eccezione la primatologa di fama internazionale Jane Goodall. Tema della conferenza sarà il sistema dei finanziamenti alla ricerca di National Geographic che ogni anno dedica un terzo dei profitti generati dalle sue diverse attività per finanziare i progetti di ricerca scientifica e conservazione ambientale, anche in Italia, creando un circolo virtuoso unico al mondo tra media, no-profit e ricerca scientifica.

Seguiranno poi le lectio magistralis di Chloé Cipolletta, primatologa italiana, che dirige i progetti di ricerca di National Geographic in Africa e di Federico Fanti, paleontologo esperto di dinosauri che terrà anche un laboratorio per le scuole; la mostra fotografica intitolata Il pianeta fragile a cura di National Geographic Magazine.

A chiudere il festival sarà un incontro con Patti Smith intervistata da Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Magazine sul tema di come arte e scienza possano collaborare per salvare il Pianeta.

Quello di National Geographic è uno tra i brand più noti e autorevoli al mondo. È nato 130 anni fa con la National Geographic Society, un ente non profit scientifico ed educativo con una missione di esplorazione e conservazione.

Oggi, con le sue diverse declinazioni, National Geographic raggiunge oltre 730 milioni di persone nel mondo in 170 nazioni di tutti i continenti e ha più di 250 milioni di contatti sui social media.

Un anno fa è nata National Geographic Partners, la joint venture tra il gruppo Fox e la National Geographic Society che gestisce a 360 gradi tutte le attività commerciali di National Geographic, dai canali tv (in Italia in esclusiva su Sky), all’intero licensing del brand, a partire dal mensile edito in Italia dal gruppo Espresso, fino al lavoro dei suoi fotografi, alle piattaforme digitali, ai viaggi, i libri, le guide turistiche e tanto altro.

correlati

André Derain. Sperimentatore controcorrente, in mostra a Medrisio

Il Museo d’arte Mendrisio ospita, dal 27 settembre 2020 al 31 gennaio 2021, un'ampia retrospettiva dedicata all'artista francese André Derain. Protagonista della grande rivoluzione artistica di...

Lacrime: gli scienziati hanno scoperto che producono energia elettrica

Le lacrime e la saliva possono servire per produrre energia elettrica. E improvvisamente tutte le volte che ci intimano di non piangere potrebbero sparire...

Influenza autunnale: 7 regole contro i malanni di stagione

Il tempo meteorologico instabile, gli abbassamenti di temperatura serali, caldo torrido e piogge torrenziali che si alternano. Nulla di più propizio per la classica...

Tatuaggi pericolosi? Il colore arriva al sangue e ai linfonodi

I più bacchettoni la avanzano spesso come scusa: i tatuaggi non saranno pericolosi? Non faranno male alla pelle? O all'organismo? E forse, secondo un...
Pubblicità