A Bucarest inaugura il Museo del Kitsch

Pubblicità
Pubblicità
 

A Bucarest, capitale della Romania, è stato inaugurato il 5 maggio scorso il Museo del Kitsch: uno spazio espositivo che si è posto come mission quella di raccogliere arazzi improbabili, soprammobili in vetro, crocifissi led e altri oggetti che vi attrarranno e respingeranno contemporaneamente.

Il Museo del Kitsch tra attrazione e repulsione

Per entrare da subito nel vivo del tema ad accogliere i visitatori all’ingresso c’è una copia del David di Michelangelo con al collo una collana dorata e un grosso ciondolo a forma di dollaro, dorato anche lui.

Museo del Kitsch David

All’interno del Museo del Kitsch  oltre 200 articoli prodotti in Romania. Manichini di Dracula e di donne vestite con gli abiti tipici della comunità rom si alternano a rivisitazioni di immagini religiose, tra cui un crocefisso illuminato a led, copie di riviste non più in stampa che riportano in prima pagina notizie fantasiose più che false, come “Gli extraterrestri rubano l’energia elettrica”, e molti riferimenti al periodo comunista, riproducendo quello che i romeni hanno visto nelle loro case per anni.

Il costo del biglietto, ha spiegato il proprietario della mostra Cristian Lica, varia a seconda a seconda dei visitatori. I romeni, hanno diritto a un biglietto d’ingresso ridotto (20 lei, corrispondenti a 4,39 euro, contro 30, 6,58 euro, per il prezzo pieno) rispetto a visitatori di altre nazionalità.

Museo del Kitsch Orologio e Maiale

Il Kitsch: una forma d’arte fallita

“Il Kitsch” ha dichiarato Lica al Washington Post, “è una forma di espressione. È arte fallita. Alcuni di questi oggetti sono cliché ripetitivi, come la copia della Monnalisa. Altri sono kitsch creativo”.

Lica ha collezionato oggetti kitsch per ventuno anni, e ha visitato cinquecento musei prima di allestire il suo, che ha suddiviso in cinque sezioni: una dedicata al kitsch contemporaneo, una per il kitsch del periodo comunista, e altre tre dedicate al personaggio di Dracula, alla chiesa ortodossa e alla comunità rom.

Museo del Kitsch Quadrio Gattini

Leggi anche: Museo del Fallimento, in Svezia un museo che celebra i “migliori” flop di sempre

correlati

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...

Orientarsi con le stelle, la mostra collettiva alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano ospita la mostra Orientarsi con le stelle nata da un’idea di Red...

Turi Simeti, a Milano la personale alla Dep Art Gallery

Turi Simeti, è il protagonista della stagione autunnale alla Dep Art Gallery di Milano con una mostra personale che, fino al 22 dicembre, celebra...
Pubblicità