A Milano gli “scatti ferroviari” di Marco Introini e Francesco Radino

Pubblicità
Pubblicità
 

Un progetto a cavallo tra testimonianza del presente e memoria per il futuro, questo il tema dietro la mostra GLI SCALI FERROVIARI DI MILANO. OGGI, PRIMA DI DOMANI. Fotografie di Marco Introini e Francesco Radino esposta alla Casa dell’Energia e dell’Ambiente di Milano dal 14 giugno al 28 dicembre.

Un’esposizione che mette in luce con un’inedita campagna fotografica, realizzata dai due grandi fotografi contemporanei Marco Introini e Francesco Radino, i sette scali ferroviari di Milano, attualmente dismessi, ma in fase di riqualificazione.

Le fotografie di Marco Introini e Francesco Radino: Una sintesi dei rapporti complessi tra le diverse memorie presenti nel tessuto della città.

I lavori dei due fotografi, Marco Introini e Francesco Radino, ritraggono gli scali FariniGrecoLambratePorta RomanaRogoredoPorta Genova e San Cristoforo, che insieme ricoprono una superficie di 1.250.000 mq, aree attualmente abbandonate, ma che un tempo contribuirono allo sviluppo industriale, agevolando il trasporto e la consegna di prodotti finiti e generi di prima necessità, nonché la crescita dei quartieri limitrofi.

Marco Introini attraverso scatti in bianco e nero si sofferma maggiormente sull’aspetto architettonico, sulle vedute esterne e sulla ricerca delle intersezioni tra la città otto-novecentesca e la Milano degli anni Duemila, mentre Francesco Radino con immagini a colori pone l’accento sugli spazi interni, sul dialogo tra memoria, uomo e natura, rappresentato da una visione dal gusto poetico.

 I due “testimoni della modernità” come afferma Fabrizio Trifoglio curatore della mostra insieme ai due fotografi “hanno avuto il compito di sintetizzare i rapporti complessi tra le diverse memorie presenti nel tessuto della città, darne una precisa interpretazione e anamnesi, selezionando tra ‘pieni e vuoti’ e trasformando i muraglioni degli scali in limes, confini ora permeabili ora valicabili, tra passato, presente e futuro“. Ognuno, attraverso il proprio obiettivo, valorizza e offre una testimonianza della trasformazione urbana che restituisce al contempo elementi legati alla storia e l’immagine della realtà attuale.

Leggi anche: La Private Collection di Nanda Vigo al Museo di San Fedele

correlati

André Derain. Sperimentatore controcorrente, in mostra a Medrisio

Il Museo d’arte Mendrisio ospita, dal 27 settembre 2020 al 31 gennaio 2021, un'ampia retrospettiva dedicata all'artista francese André Derain. Protagonista della grande rivoluzione artistica di...

Prima, Donna. Gli scatti di Margaret Bourke-White a Milano

Dal 25 settembre al 14 febbraio Palazzo Reale ospita a Milano Prima, Donna. Margaret Bourke-White, una raccolta inedita, di alcune delle più straordinarie immagini realizzate dalla...

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...
Pubblicità