A Milano gli scatti tra composizione e ritratto di Alfredo Camisa

Pubblicità
Pubblicità
 

Dal 26 settembre al 26 ottobre la galleria milanese STILL ospita la mostra fotografica Alfredo Camisa. Tra stupore e progetto dedicata al  chimico bolognese, fotografo per passione, che tra 1953 e il 1961 ha dedicato ogni momento libero alla macchinetta e al rullino.

“Potrebbero non esistere i saloni, le mostre, i premi e le critiche: noi fotograferemmo egualmente perché non è in funzione di tutto questo che fotografiamo. Per noi la fotografia esiste solo come emozione, come possibilità di esprimere sinceramente e poeticamente la realtà, il nostro modo di vedere e di pensare, il nostro modo di vedere o di trasformare quel che ci circonda”.

Queste le parole di Alfredo Camisa che, scritte in un articolo insieme all’amico Piergiorgio Branzi, descrivono il suo modo di interpretare la fotografia: durante la sua carriera artistica lo stile si è modificato repentinamente, passando dalle composizioni iniziali a temi sempre più legati alla figura umana per rimanere fedele ai suoi più intimi interessi.

Alfredo Camisa. Tra stupore e progetto: una selezione di scatti che ripercorre la carriera del fotografo bolognese

Camisa ha spesso ritratto nei suoi scatti persone appartenenti agli strati più bassi della società ma per scelta i suoi soggetti non divennero mai l’emblema iconografico della miseria italiana del dopoguerra: l’autore li ritrasse con bonaria umanità, mai tragicamente afflitti dalla loro condizione, mai con esasperazione pietistica o retorica.

Di Camisa si è spesso lamentata l’assenza di uno stile definito, ma in realtà si tratta di un fotografo ricettivo e aggiornato, permeabile alle novità che varcavano i confini italiani. In mostra alla galleria Still una selezione di scatti che ne ripercorre la carriera testimoniando come il fotografo si riuscito sempre a infondere alle immagini, siano esse eleganti composizioni geometriche o intensi ritratti, una soggettività chiara, facendosi testimone di un mondo che stava trascorrendo nel volgere di una generazione che lui aveva vissuto in prima persona.

Leggi anche: I castelli sospesi tra il giorno e la notte di Jan Fabre a Milano

correlati

L’estetica iconica dell’Oyster Perpetual Datejust di Rolex

Estetica intramontabile per il Datejust di Rolex. Nato nel 1945, è il primo orologio da polso cronometro, automatico e impermeabile fino a 100 metri a indicare la data all’interno di una...

Turi Simeti, a Milano la personale alla Dep Art Gallery

Turi Simeti, è il protagonista della stagione autunnale alla Dep Art Gallery di Milano con una mostra personale che, fino al 22 dicembre, celebra...

Photofestival 15TH, torna in autunno la rassegna di fotografia d’autore di Milano

Prevista come ogni anno in primavera, ma rimandata a causa dell'emergenza sanitaria, torna a Milano, in una inedita versione autunnale, il Photofestival; la più...

Jardins d’Été, l’installazione di Quayola ad Arte Sella

Dal 13 settembre al 22 novembre 2020 Arte Sella – il parco di Borgo Valsugana in provincia di Trento, presenta negli spazi di Malga...
Pubblicità