La bellezza ideale di Giulio Paolini in mostra a Milano

Pubblicità
Pubblicità
 

Dal 26 ottobre al 10 febbraio la Fondazione Carriero ospita Giulio Paolini. Del bello ideale una mostra dedicata a uno dei massimi esponenti dell’arte concettuale, organizzata in stretta collaborazione con l’artista.

Con questa esposizione la Fondazione Carriero prosegue il suo percorso di indagine e approfondimento dell’arte concettuale analizzando l’opera di Giulio Paolini, suo indiscusso pioniere nel nostro Paese.

Attraverso una selezione di lavori, scelti e allestiti dal curatore insieme all’artista torinese, la mostra ripercorre l’intero arco dei 57 anni di carriera di Paolini, esponendo capisaldi della sua produzione come Senza titolo (1961)Monogramma (1965)AB 3 (1966)Nécessaire (1968)Controfigura (critica del punto di vista) (1981), alcuni dei suoi celebri autoritratti e tre nuove opere appositamente concepite per l’occasione.

L’opera preesiste all’intervento dell’artista, che è il primo a poterla contemplare – Giulio Paolini

Giulio Paolini Mostra Milano
© Giulio Paolini / Fondazione Giulio e Anna Paolini, Torino / Ph. Adam Reich | Giulio Paolini, Et quid amabo nisi quod ænigma est?, 1969-70. Collage su carta

La mostra Giulio Paolini. Del bello ideale segue un percorso espositivo non cronologico, scandito da nuclei tematici che si articolano nello spazio entrando in relazione con l’architettura dell’edificio, consentendo al visitatore di mettere a fuoco la poetica di Paolini e di semplificarne la comprensione. Attraverso questo esercizio, la mostra scompone l’opera di Paolini, la seziona adottando lo stesso approccio teorico e formale utilizzato dall’artista nei suoi lavori e nel suo modo di affrontare l’arte.

Tre sono i nuclei tematici individuati come punti di riferimento nel percorso espositivo. Al piano terra l’allestimento ruota attorno al tema del Ritratto e Autoritratto, vero e proprio toposdella storia dell’arte occidentale e fulcro della poetica di Paolini, che fin dall’inizio degli anni Sessanta si è cimentato in modo fortemente personale con l’analisi di questa tematica, distillandola fino ad arrivare alla sottrazione dell’autore nella sua opera.

La sezione al primo piano si intitola In superficie e sviluppa la relazione con il tema della prospettiva nelle sue varie declinazioni, dall’indagine sulla linea alla simbologia dell’orizzonte fino all’uso della specularità, della tautologia e della ripetizione come strumenti di analisi dello spazio e del tempo.

Infine, la sala rococò del secondo piano fa da cornice a Uno di due, che presenta una selezione di lavori che indagano il rapporto tra il mito e la classicità nell’universo artistico di Paolini, emblemi di quella bellezza ideale che, nel polarizzare gli sguardi con la sua armonia, crea una distanza apparentemente incolmabile tra opera d’arte e osservatore.

Leggi anche: I lavori di Lucio Fontana per il Duomo di Milano

correlati

Prima, Donna. Gli scatti di Margaret Bourke-White a Milano

Dal 25 settembre al 14 febbraio Palazzo Reale ospita a Milano Prima, Donna. Margaret Bourke-White, una raccolta inedita, di alcune delle più straordinarie immagini realizzate dalla...

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...

Orientarsi con le stelle, la mostra collettiva alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano ospita la mostra Orientarsi con le stelle nata da un’idea di Red...
Pubblicità