I Suoni delle Dolomiti, un quarto di secolo di musica in quota

Pubblicità
Pubblicità
 

Centinaia di concerti e artisti, decine di migliaia di metri di dislivello percorsi a piedi, innumerevoli strumenti portati in spalla fino a radure, conche e rocce, un pubblico sempre numeroso che anno dopo anno ha conosciuto e amato assieme alla musica anche la natura della montagna, dimostrando anche un grande rispetto per l’ambiente. L’elenco e i numeri potrebbero continuare perché in 25 anni di storia, I Suoni delle Dolomiti hanno dato vita a qualcosa di nuovo. La grande novità dell’edizione 2019 è che per la prima volta viene proposta l’Opera con “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, in scena a 2000 metri di quota (Pian della Nana in Val di Non nel Gruppo del Brenta).

Sin dalla sua nascita il Festival trentino di musica in quota ha una peculiarità: salire fino ai luoghi dei concerti percorrendo gli itinerari a piedi, magari insieme agli artisti, per poi sedersi in radure o all’ombra di imponenti rocce dolomitiche e abbandonarsi ad altri ritmi: suoni e delle musiche provenienti da tutto il mondo.

Concerti che regalano emozioni, ricordi, riscoperte, colori, incontri, sono racconti, condivisioni, sono anche prime e ultime volte visto che ogni concerto dei Suoni è irripetibile per il mix di artisti, luoghi e persino contesto meteorologico che lo caratterizza.

Nella venticinquesima edizione (28 giugno-15 settembre) si ritrova tutto quanto conquistato in questi anni: musiche da tutto il mondo, grandi artisti, sentieri e natura. Il Festival inoltre si allunga e propone appuntamenti fino al 15 settembre, un’occasione per scoprire un mese particolarmente affascinante in montagna.

Tutti i concerti avranno inizio alle ore 12 quando non diversamente indicato.

www.isuonidelledolomiti.it

correlati

Aran Cucine presenta il restyling di Penelope

Il 2020 ha portato tante novità in ARAN Cucine, tra le quali il restyling di Penelope, uno dei modelli più amati dai consumatori. Lo stile...

Coco Mademoiselle L’Eau Privée by Chanel

Dal 2001, creazione dopo creazione, lo spartito raffinato e intrepido di Coco Mademoiselle by Chanel continua a sedurre e a rinnovarsi pur rimanendo fedele al tema originale....

Il mondo sostenibile del Lanificio Luigi Colombo

La passione per le fibre nobili e il rispetto per l’ambiente sono caratteristiche che da sempre identificano il Lanificio Luigi Colombo. Questo impegno è...

J12 Paradoxe by Chanel

Nel 2000, con la versione in ceramica nera seguita da quella in ceramica bianca nel 2003, il J12 di Chanel rivoluziona l’universo dell’orologeria, imponendosi come la prima icona orologiera del XXI secolo....
Pubblicità