Tatuaggi fenice stilizzate, colorata: scopri il suo significato

0
2180
Photo by Anthony Tran on Unsplash
 

Quando si parla di tatuaggi non ci sono mode che tengano. Le persone si fanno tatuare a volte le cose più strane e fantasiose; tra citazione, nomi, disegni stilizzati, cartoni animati, ritratti, c’è sempre qualcosa di nuovo da ammirare. Eppure ci sono dei simboli o disegni che non passano mai di moda, come ad esempio i tatuaggi fenice.

Questo uccello fiero e leggendario, è uno dei più amati sia dagli uomini che dalle donne. Scopriamo quindi insieme cosa rappresenta la fenice, il suo significato e le sue declinazioni artistiche.

Tatuaggi araba fenice significato

L’araba fenice è un uccello maestoso e leggendario legato al mondo della mitologia e spesso utilizzato in film e racconti fantasy. Si parla dello spirito della fenice nell’ultimo film degli X-Men e ce n’era una anche nello studio di Silente a Hogwarts; insomma, le fenici al cinema sono più comuni di quanto si possa pensare. Ma come ci arriva la fenice nel mondo dei tatuaggi?

Le origini del mito della fenice, un uccello infuocato capace di risorgere dalle proprie ceneri, affonda le sue radici nella storia più antica. Il suo simbolo è legato a più culture e assume significati differenti per ognuna di esse.

Nella cultura cinese, la fenice era chiamata Feng e simboleggiava la prosperità e il potere dell’imperatore. Trattandosi di un animale virtualmente immortale, capace di rinascere, il suo simbolo era spesso associato ai regnanti di un paese. Nella Cina imperiale, inoltre, la fenice era anche considerata come un simbolo d’amore eterno; conservare l’immagine della fenice portava fortuna agli amori tormentati.

In epoca romana, la fenice era il simbolo della resistenza all’Impero che conquistò tutto il mondo allora conosciuto. In Egitto, invece, questo uccello rappresentava il Dio Sole, noto come Ra, una delle divinità più importanti.

Leggi anche: Tatuaggi rondini stilizzate, old school: scopri il significato

Tutt’altra storia per la cultura giapponese. Qui la figura della fenice prende il nome di Ho-ho oppure di Karura e viene rappresentata in maniera un po’ diversa. Se nelle altre culture la fenice veniva rappresentata come un uccello elegante e maestoso dalle piume color fuoco, nella cultura giapponese le sue piume sono dorate e la testa è ricoperta da gemme magiche. La fenice in questo caso è simbolo di cambiamento, longevità e immortalità; chiunque possedesse questo simbolo era protetto da una forza suprema. Non a caso, infatti, questo animale è l’emblema della casata imperiale giapponese.

Nella cultura giapponese la fenice viene rappresentata in maniera assai bizzarra; essa infatti conserva alcune caratteristiche specifiche di altri animali. La fenice giapponese ha il becco di un uccello, il petto il un cigno, le scaglie di un dragone, il collo di un serpente. La sua cosa inoltre è composta da dodici piume ognuna delle quali rappresenta una qualità positiva come la fedeltà, la giustizia, la verità e la benevolenza. Di solito nei disegni giapponesi viene accompagnata da alberi e rocce, canne di bambù, fiori di ciliegio e crisantemi.

Anche nella cultura indù e buddista la fenice assume caratteristiche differenti. Il suo nome è Garuda e, quasi come una divinità, ha il potere della preveggenza e dell‘infinita conoscenza. Di solito viene rappresentata con le ali e il becco di un’aquila mentre il corpo è quello di un essere umano ricoperto d’oro.

Tatuaggi fenice significato

Abbiamo visto la fenice cosa simboleggia e come viene rappresentata in molte culture differenti del mondo. Eppure nell’universo dei tatuaggi, questo uccello leggendario assume un particolare significato. I tatuaggi fenice non sono solo il simbolo dell’immortalità o della resurrezione ma anche e soprattutto del trionfo e della rinascita.

Decidere di farsi tatuare questo particolare simbolo può essere catartico per una persona. Può essere il simbolo di una rinascita spirituale o fisica e simboleggiare la sconfitta di una malattia; oppure può simboleggiare un cambio di vita, un nuovo inizio più luminoso e una vita senza paura e rimpianti.

Tatuaggi fenice stilizzata

Scegliere dei tatuaggi fenice non è per tutti. Bisogna essere coraggiosi e un po’ pazzi e soprattutto esibizionisti. La fenice va sfoggiata e mai nascosta, andrebbe contro tutto ciò che rappresenta. E’ un simbolo di rinascita e cambiamento e la timidezza non fa parte del piano. Detto questo, non vi stiamo consigliando di fare dei tatuaggi enormi, troppo vistosi o che si allontanano dal vostro gusto. Dovete scegliere molto bene lo stile della vostra fenice e adattare le dimensioni del disegno alla zona del corpo che volete tatuare.

Di solito la fenice è colorata con i toni caldi del rosso, del nero, dell’arancio ma nulla vi vieta di optare per qualcosa di più sobrio ma egualmente potente. Sempre più clienti richiedono tatuaggi fenice stilizzata con la tecnica del tatuaggio maori. Per il tattoo si utilizza il solo colore nero, le linee sono nette e il disegno assai intricato, come un enorme labirinto monocromatico sul pelle. Lavorare bene sul design della fenice con il vostro tatuatore di fiducia e non vi pentirete del risultato.

Tatuaggi fenice colorata

Tra le varie tipologie di fenici più o meno stravaganti, quella colorata è senza dubbio la più classica e richiesta. Si parla di colori caldi che ricordano le fiamme di un incendio che arde senza sosta, si parla di rosso, arancio, giallo con qualche punta di blu e nero per dare tridimensionalità al disegno.

Le fenici sono solitamente rappresentate in volo, con le ale spiegate e fiammeggianti, pronte ad attaccare. Il disegno si estende in lunghezza e di solito le zone migliori per realizzare questi tatuaggi sono le braccia, le gambe (specialmente dal polpaccio alla caviglia) e le scapole. Una volta scelto il design, la forma, i colori e le dimensioni, lavorate con il vostro tatuatore di fiducia per far combaciare le linee del vostro tattoo con quelle del vostro corpo. In questo modo l’effetto sarà strabiliante.