Adriana Bisi Fabbri, al Museo del 900 una mostra sull’artista italiana

Pubblicità
Pubblicità
 

Il Museo del Novecento ospita, dal 3 dicembre al 8 marzo, una mostra dedicata ad Adriana Bisi Fabbri dal titolo L’intelligenza non ha sesso. Adriana Bisi Fabbri e la rete delle arti (1900 – 1918), a cura di Giovanna Ginex e Danka Giacon e promossa dal Comune di Milano | Cultura.

L’esposizione, collocata negli Archivi del Novecento al quarto piano del Museo si concentra sulla rilettura dell’attività artistica e delle vicende biografiche della Fabbri (Ferrara 1881 – Travedona Monate 1918) e del marito Giannetto Bisi (Ferrara 1881 – Verona 1919).

L’intelligenza non ha sesso. Adriana Bisi Fabbri e la rete delle arti (1900 – 1918)

Pittrice e caricaturista, Adriana emerge come una figura autonoma del complesso scenario artistico a lei contemporaneo. Autodidatta, incuriosita da ogni tecnica e sperimentazione con cui entrava in contatto, la volontà ferrea di essere considerata un’artista a tutto tondo la guida attraverso un’epoca e un contesto in cui molti riconoscimenti e percorsi formativi erano preclusi alle donne.

Il percorso espositivo della mostra corre lungo tre linee: la biografia di Adriana Bisi Fabbri, la passione che caratterizza il rapporto con il marito Giannetto Bisi che ne sosterrà il percorso artistico per tutta la vita e la fitta rete di relazioni che la coppia ha intessuto con i protagonisti di due decenni di arte italiana del secolo scorso. Dallo studio delle fonti archivistiche è emerso il resoconto di un panorama artistico pulsante di vita, ricco di progetti, iniziative e movimenti di cui i coniugi Bisi furono parte integrante.

- Pubblicità -

Oltre duecento opere tra dipinti, disegni, grafiche e materiale documentario costruiscono uno scorcio sulla vita intellettuale di inizio secolo. Arte, giornalismo e avanguardie accompagnano il visitatore in un viaggio che da Ferrara passa per Bergamo e Milano, incontrando personaggi del calibro di Umberto Boccioni, Cesare Laurenti, Ugo Valeri, Eugenio Bajoni ed entrando in contatto con i gruppi d’avanguardia di Torino, Firenze, Venezia e Roma. Il punto di vista di Adriana Bisi Fabbri e del marito Giannetto, catturato nel fitto carteggio inedito della coppia, fornisce una chiave di lettura privilegiata del contesto in cui la coppia si muoveva, intesseva rapporti e relazioni, traeva spunto da suggestioni incontrate e si sviluppava professionalmente e sentimentalmente.

Leggi anche: Underfoot, la personale di Rebecca Ackroyd a Milano

- Pubblicità -

correlati

Si può vincere alle slot machine online?

Photo by Hello I'm Nik 🎞 on Unsplash Da sempre coloro che praticano i giochi d’azzardo cercano di trovare dei trucchi per vincere. Infatti nell’animo...

The Sky in a Room dell’artista islandese Ragnar Kjartansson

Per l’autunno 2020 la Fondazione Nicola Trussardi presenta The Sky in a Room dell’artista islandese Ragnar Kjartansson (Reykjavík, 1976). Il progetto, pensato per la Chiesa di San Carlo al Lazzaretto di Milano, è stato concepito...

Per Gioco, 700 giocattoli antichi in mostra a Roma

Il Museo di Roma a Palazzo Braschi, dal 25 luglio 2020 al 10 gennaio 2021, ospita Per Gioco. La collezione di giocattoli antichi della Sovrintendenza...

La personale di Donatella Izzo alla Fabbrica del Vapore a Milano

La Fabbrica del Vapore ospita, dal 23 luglio al 31 ottobre, The Dreamers: sognatori nel tempo dell’abbandono, personale dell’artista milanese Donatella Izzo.  La mostra, che si...
Pubblicità