Inge Morath, a Milano una grande monografica al Museo Diocesano

Pubblicità
Pubblicità
   

Fino al 1 novembre 2020, il Museo Diocesano Carlo Maria Martini di Milano ospita una retrospettiva dedicata alla fotografa austriaca Inge Morath (Graz, 1923 – New York, 2002), la prima donna a essere accolta nell’agenzia Magnum Photos. L’iniziativa è parte dei palinsesti culturali Aria di Cultura e I talenti delle donne, promossi e coordinati dal Comune di Milano.

L’esposizione curata da Brigitte Blüml – Kaindl, Kurt Kaindl, e Marco Minuz, ripercorre in 150 scatti e documenti originali il cammino umano e professionale di Inge Morath, dagli esordi al fianco di Ernst Haas ed Henri Cartier-Bresson fino alla collaborazione con prestigiose riviste quali Picture Post, LIFE, Paris Match, Saturday Evening Post e Vogue.  Focus della mostra i reportage di viaggio, che la Morath preparava con cura maniacale, studiando la lingua, le tradizioni e la cultura di ogni paese dove si recava, dall’’Italia, alla Spagna, dall’Iran, alla Russia e alla Cina.

Inge Morath mostra Milano
Inge Morath, Audrey Hepburn sul set del film “Unforgiven”, Messico, 1959 | © Fotohof archiv / Inge Morath / Magnum Photos

Terza, e ultima, moglie del celebre drammaturgo Arthur Miller, che la sposa nel 1962 subito dopo il divorzio da Marilyn Monroe, rimase al suo fianco per tutta la vita pur continuando a viaggiare e lavorare con passione; tanto che il marito una volta disse “Non appena vede una valigia, Inge comincia a prepararla”.

Inge Morath, la passione per i viaggi e i gli intesi ritratti

Pubblicità

La passione per il viaggio, il motore della vita di Inge Morath, è ampiamente documentata in mostra attraverso gli scatti di alcuni dei suoi reportage più famosi, come quelli realizzati a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 a Venezia, in Spagna, nella Romania comunista in Russia, in Cina, in Iran e nella natia Austria. A Parigi, uno dei “luoghi del cuore” della Morath, incontra i fondatori dell’agenzia Magnum: Henri Cartier-Bresson, David Seymour e Robert Capa. Le immagini riflettono le sue più intime necessità, ma al contempo sono come pagine del suo diario di vita, come lei stessa ha scritto: “La fotografia è essenzialmente una questione personale: la ricerca di una verità interiore”.

La mostra dà inoltre ampio spazio al ritratto, un tema che ha accompagnato Inge per tutta la sua carriera. Da un lato era attratta da personaggi celebri, quali Igor Stravinsky, Alberto Giacometti, Pablo Picasso, Jean Arp, Alexander Calder, Audrey Hepburn, dall’altro dalle persone semplici incontrate durante i suoi reportage. Tra gli scatti più iconici, spicca la fotografia di Marilyn Monroe che esegue dei passi di danza all’ombra di un albero, realizzata sul set del film “Gli spostati” del 1960, lo stesso dove Inge conobbe Arthur Miller.

Pubblicità

Inge Morath mostra Milano
Inge Morath, Marilyn Monroe sul set di Misfits, Nevada 1960 © Fotohof archiv/Inge morath/Magnum Photos

Che si trattasse di persone comuni o artisti di chiara fama, il suo interesse era sempre rivolto all’essere umano in quanto tale. Il suo stile fotografico affonda le sue radici negli ideali umanistici del secondo dopoguerra ma anche nella fotografia del “momento decisivo”, così come l’aveva definita Henri Cartier-Bresson. Ogni suo ritratto si basava infatti su un rapporto intenso o su una conoscenza profonda della persona immortalata.

Leggi anche: FILIPPO DE PISIS E IL GUSTO PER L’ANTICO IN MOSTRA A ROMA

Pubblicità

correlati

Dolomiti Wellness Hotel Fanes, wellness, natura e lusso 5 stelle

Benessere esclusivo in ambienti di design fedeli alla tradizione alpina nello storico hotel di San Cassiano. Nato da un antico maso, il Dolomiti Wellness Hotel...

Daniel Buren. Illuminare lo spazio, la grande mostra a Bergamo

Dopo i mesi di sospensione delle attività dovuti al lockdown, la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo riapre al pubblico  con la mostra Daniel Buren. Illuminare...

Estate 2020, a Roma torna il viaggio multimediale nel Foro di Augusto

Per tutta l'estete, dall’8 luglio all’8 novembre 2020, torna l'iniziativa Viaggi nell’antica Roma; lo spettacolo multimediale che racconta e fa rivivere la storia del Foro di Augusto. Il...

A Palazzo Grassi due monografiche su Henri Cartier-Bresson e Youssef Nabil 

Le sale espositive di Palazzo Grassi a Venezia riaprono al pubblico accogliendo, dall'11 luglio  2020 al 10 gennaio 2021, due importati mostre monografiche: Henri Cartier-Bresson....
Pubblicità