Baldassarre Castiglione e la vita di corte in mostra a Urbino

Pubblicità
Pubblicità
 

Il Palazzo Ducale di Urbino ospita dal 18 luglio al 1 novembre 2020 Baldassarre Castiglione e Raffaello. Volti e momenti della civiltà di corte, una mostra curata da Vittorio Sgarbi e Elisabetta Soletti.

Urbino mostra Baldassarre Castiglione
Raffaello, Ritratto di Baldassarre Castiglione, 1516-19

Focus dell’esposizione, raccolta negli spazi delle Sale del Castellare, è la figura di Baldassarre Castiglione, uomo centrale del  Rinascimento europeo, mantovano di origine ma urbinate d’adozione, noto per il suo Cortegiano che, tradotto nelle principali lingue dell’epoca, fornì “il” modello di comportamento per l’alta società dell’intero continente. 

Non solo un cortigiano, ma anche un’intellettuale finissimo, vicino a grandi artisti, Raffaello  in primis, ma anche a scrittori, intellettuali, regnanti e papi. Castiglione è stato un politico attento, incaricato di ambascerie tra e più delicate del suo tempo, che seppe muoversi in modo accorto in un periodo storico complessissimo.

Baldassarre Castiglione e Raffaello. Volti e momenti della civiltà di corte

Attingendo alla fonte imprescindibile delle sue Lettere, la mostra ricostruisce l’intera vicenda del Castiglione ponendola, correttamente, nel contesto del suo tempo, accanto a figure altrettanto complesse ed affascinanti come quelle di Guidobaldo da Montefeltro, Duca di Urbino, di Leone X, dei Medici, degli Sforza, dei Gonzaga e di Isabella d’Este “prima donna del mondo”, dell’Imperatore Carlo V e di artisti,  Raffaello innanzitutto, ma anche Leonardo, Tiziano, Giulio Romano…- , di fini intellettuali come Pietro Bembo e di studiosi come Luca Pacioli.

Urbino mostra Baldassarre Castiglione
Jacometto Veneziano (?), Ritratto di fra Luca Pacioli con un allievo, 1495 circa, Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte

Sette sezioni che raccolgono opere importanti, utili a dare la dimensione dell’epoca raccontata. Integrate attraverso soluzioni multimediali che ampliano il racconto, offrendo ulteriori chiavi di lettura, agendo su  immagini  e stimoli visivi ed emotivi. Non solo arte ma anche di arti applicate: gli abiti per feste, tornei e parate,  le armi, le antiche edizioni e i manoscritti, poi la musica, per citare solo alcuni dei focus. Una grande mostra che trova il suo naturale complemento nel Palazzo Ducale dei Montefeltro e nell’intera città di Urbino, contenitori e al contempo contenuto di un’esposizione che fa della corte urbinate uno dei suoi fondamentali punti di interesse.

Leggi anche: A ROMA LE FOTOGRAFIE IN BIANCO E NERO DI ARA GÜLER

correlati

Nuovo The Concentrate, il siero “barriera” di La Mer

La scienza odierna suggerisce che una delle cause principali dell’invecchiamento precoce della pelle è l’infiammazione cronica. Spesso causata da fattori di stress esterni, come...

Turi Simeti, a Milano la personale alla Dep Art Gallery

Turi Simeti, è il protagonista della stagione autunnale alla Dep Art Gallery di Milano con una mostra personale che, fino al 22 dicembre, celebra...

Photofestival 15TH, torna in autunno la rassegna di fotografia d’autore di Milano

Prevista come ogni anno in primavera, ma rimandata a causa dell'emergenza sanitaria, torna a Milano, in una inedita versione autunnale, il Photofestival; la più...

Jardins d’Été, l’installazione di Quayola ad Arte Sella

Dal 13 settembre al 22 novembre 2020 Arte Sella – il parco di Borgo Valsugana in provincia di Trento, presenta negli spazi di Malga...
Pubblicità