Il bazar dei brutti sogni è il nuovo libro di Stephen King, in Italia dallo scorso 22 marzo grazie a Sperling & Kupfer. Il libro arriva a due anni di distanza da Revival, uscito l’11 novembre 2014.

Si tratta di una raccolta di piccole storie, alcune inedite, altre già pubblicate in passato su ebook o per magazine come The New Yorker, Playboy e Esquire, che King ha dedicato ai suoi fan. Lo scrittore statunitense ha infatti dichiarato: “Questi racconti sono stati scritti proprio per voi. Sentitevi liberi di esaminarli, ma per favore fate attenzione: i migliori hanno i denti.”

Stephen King propone una sorta di percorso autobiografico attraverso la sua arte narrativa, regalando al lettore una generosa antologia di piccoli capolavori, tutti accompagnati da commenti, aneddoti e rivelazioni su come i racconti stessi sono venuti alla luce e sulle circostanze che lo hanno portato a scriverli.

Di seguito la trama ufficiale del romanzo:

bazar dei brutti sogni 1Attenti alla lama, avverte Stephen King introducendo una delle venti storie che sono raccolte ne IL BAZAR DEI BRUTTI SOGNI. E ha ragione. La lama è sempre presente, qualunque sia lo stile che Stephen King sceglie. Si tratti dell’antica zampata con cui si apre il libro, in Miglio 81 (macchine assassine, avete presente?), o della struggente bellezza del racconto di chiusura, Tuono estivo (un post-apocalittico, come L’ombra dello scorpione, con un guizzo di rivolta che non si spegne neanche con la vecchiaia).

Venti storie che toccano tutta la gamma delle emozioni, come King sa fare: l’ironia, la ferocia, la malinconia, l’amore. E la paura, certo. Vi spaventerete per un bambino cattivo che uccide e per piccoli demoni che si nutrono del dolore. Vi interrogherete sulla vita dopo la morte (e se il purgatorio fosse un ufficio polveroso? Se l’angelo delle tenebre fosse un bellissimo ragazzo?); imparerete a temere anziani giudici in grado di prevedere la scomparsa degli altri e giornalisti di gossip in grado di provocarla. Uomini in soprabito giallo vi attenderanno in salotto e anziani pastori tenteranno la vostra onestà, mentre da qualche parte nelle terre selvagge uno sceriffo si interrogherà sulla giustizia.

Fonte

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.