Elliot Erwitt porta “tutte le famiglie” al MUDEC

Pubblicità
Pubblicità
   

Dal 16 ottobre al 15 marzo il MUDEC, Museo Delle Culture di Milano , ospita la mostra fotografica Elliot Erwitt. Family. Fotografo statunitense noto in particolare per la fotografia pubblicitaria e documentaria e per i suoi scatti in bianco e nero che ritraggono situazioni ironiche e assurde di tutti i giorni.

Focus della mostra è la Famiglia, concetto che racchiude in se significati molto diversi e spesso contrastanti. La famiglia, infatti,  ha a che fare con la genetica, il sociale, il diritto, la sicurezza, la protezione e l’abuso, la felicità e l’infelicità. Sempre più oggi il concetto di famiglia rispecchia tutto ed il suo contrario, niente come la definizione di famiglia è riuscito, in questi decenni di grandi cambiamento sociali, ad accendere polemiche, ad unire e contemporaneamente a dividere le coscienze umane.

Elliot Erwitt. Family, famiglie diverse, in cui riconoscersi, o da cui prendere le distanze con un sorriso

La mostra si presenta quindi come un Album di Famiglia personale e pubblico, storico e contemporaneo, serissimo ed ironico al tempo stesso, che il MUDEC ha chiesto a Elliot Erwitt di realizzare, selezionando personalmente con Biba Giacchetti, curatrice della mostra, le immagini che a suo sentire avrebbero potuto illustrare alcune delle sfaccettature di questo inesprimibile e totalizzante concetto.

Elliott, che ha attraversato la storia del mondo, offre istanti di vita dei potenti della terra, come Jackie al funerale di JFK, accanto a scene privatissime, come la celebre foto della bambina neonata sul letto, che poi è Ellen, la sua primogenita. La collezione selezionata per Mudec Photo alterna immagini ironiche a spaccati sociali, matrimoni nudisti, famiglie allargate, o molto singolari, metafore e finali aperti come la fotografia del matrimonio di Bratsk.

Pubblicità

Come sempre Elliott Erwitt racconta i grandi eventi che hanno fatto la storia e i piccoli accidenti della quotidianità, e ricorda a chi guarda i suoi lavori che si può essere la famiglia che si sceglie, quella americana, ingessata e rigida che posa sul sofà negli anni Sessanta, o quella che infrange la barriera della solitudine eleggendo a membro l’animale prediletto. Famiglie diverse, in cui riconoscersi, o da cui prendere le distanze con un sorriso.

Leggi anche: Dal Guggenheim a Palazzo Reale, la Collezione Thannhauser a Milano 

Pubblicità

correlati

Kurt Cobain e il Grunge negli scatti di Peterson e Lavine a Firenze

A Firenze riapre Peterson – Lavine. Come as you are: Kurt Cobain and the Grunge Revolution; la mostra inaugurata lo scorso marzo, chiusa dopo pochi...

Dinamiche Infinite, gli scatti metafisici di Maurizio Gabbana a Milano

Fino al 30 settembre 2020 Triennale  Milano ospita Dynamiche Infinite, la mostra del fotografo milanese Maurizio Gabbana, che raccoglie una selezione di scatti urbani. L'esposizione,...

Confluenze. Letizia Fornasieri in mostra all’Acquario Civico di Milano

L'’Acquario civico di Milano ospita, dal 1 luglio al 20 settembre, la mostra Confluenze. Letizia Fornasieri. Una mostra, promossa dal Comune di Milano –...

Vittorio Corsini, un progetto di arte pubblica tra Milano e Prato

Per tutta l'estate Milano e Prato ospitano Dai fammi un sorriso, un progetto di arte pubblica diffuso tra le due città realizzato dalla casa d'aste Farsettiarte...
Pubblicità