Un artista chiamato Banksy, la mostra a Ferrara

Pubblicità
Pubblicità
 

Palazzo dei Diamanti riapre al pubblico di Ferrara con la mostra Un artista chiamato Banksy, a cura di Stefano Antonelli, Gianluca Marziani e Acoris Andipa, ideata e prodotta da MetaMorfosi Associazione Culturale, in collaborazione con Ferrara Arte.

Originario di Bristol, nato intorno al 1974, inquadrato nei confini generici della street art, Banksy rappresenta un unicum nel panorama dell’arte mondiale. Nonostante infatti nessuno lo abbia mai visto dal vivo e nessuno ne conosca il volto, oggi è unanimemente ritenuto uno dei più famosi artisti al mondo.

A parlare per lui, infatti, sono le sue opere, lavori dalla forte potenza etica, evocativa e tematica, attraverso le quali, Banksy, rappresenta la miglior evoluzione della Pop Art originaria, l’unico che ha connesso le radici del pop, la cultura hip hop, il graffitismo anni Ottanta e i nuovi approcci del tempo digitale.

Banksy, 100 opere che ripercorrono 20 anni di carriera dell’artista britannico

Fino al 27 settembre a Palazzo dei Diamanti, la mostra riunisce oltre 100 opere e oggetti originali dell’artista britannico provenienti esclusivamente da collezioni private, in un percorso espositivo che dà conto della sua intera produzione.

Banksy mostra Ferrara
Banksy, Grannies, 2006

Vent’anni di attività che iniziano con i dipinti della primissima fase della sua carriera, fino agli esiti dello scorso anno con le opere provenienti da Dismaland, come la scultura Mickey Snake con Topolino inghiottito da un pitone. Ci sono poi gli stencil e le serigrafie che Banksy considera vitali per diffondere i suoi messaggi. Affiancano le opere le schede testuali che ricostruiscono storie, aneddoti, provenienze e relazioni, in un percorso di approfondimento ideato per scoprire l’artista nelle sue molteplici angolazioni.

Un immaginario semplice ma non elementare, veicolato con messaggi che esaminano i temi del capitalismo, della guerra, del controllo sociale e della libertà in senso esteso e dentro i paradossi del nostro tempo. Per la prima volta una mostra esamina le immagini di Banksy all’interno di un quadro semantico che ne veicoli origini, riferimenti, relazioni tra gli elementi e piani di pertinenza.

Leggi anche: Fase 2, riaprono in Italia le grandi mostre del 2020

correlati

Prima, Donna. Gli scatti di Margaret Bourke-White a Milano

Dal 25 settembre al 14 febbraio Palazzo Reale ospita a Milano Prima, Donna. Margaret Bourke-White, una raccolta inedita, di alcune delle più straordinarie immagini realizzate dalla...

Casa Iolas. Citofonare Vezzoli a Milano la mostra dedicata ad Alexander Iolas

La galleria Tommaso Calabro presenta, a Milano, Casa Iolas. Citofonare Vezzoli, una grande mostra dedicata al gallerista e collezionista greco Alexander Iolas (1907-1987), a cura di Francesco Vezzoli...

The Sky in a Room, Ragnar Kjartansson per Fondazione Trussardi

Una piccola chiesa del XVI secolo, un organo, un interprete e le note di una delle più belle canzoni italiane, si tratta di The...

Orientarsi con le stelle, la mostra collettiva alla Casa Museo Boschi Di Stefano

Dal 18 settembre al 31 ottobre 2020 alla Casa Museo Boschi Di Stefano ospita la mostra Orientarsi con le stelle nata da un’idea di Red...
Pubblicità