Tapioca: proprietà benefiche e ricette facili da realizzare

0
27738
tapioca
radice di tapioca
 

Decidere cosa preparare a pranzo e cena ogni giorno può essere stressante perché, quando poi non abbiamo idee nuove, finiamo col cucinare sempre le stesse cose. Oggi quindi vi parliamo di un alimento che forse pochi conoscono ed utilizzano, molto gustoso, facile da reperire e con un sacco di proprietà benefiche. Stiamo parlando della manihot esculenta, meglio conosciuta come tapioca, pianta originaria del Sudamerica la cui radice viene utilizzata per realizzare molto piatti gustosi.

Tapioca proprietà naturali

In natura la radice di tapioca è particolarmente amara ed è per questo motivo infatti che essa viene lavorata a lungo e trasformata in qualcosa che abbia un gusto un po’ più gradevole.

Nei negozi di alimentari e nei grandi supermercati è possibile trovare facilmente ed acquistare per pochi euro la farina di tapioca, facilmente digeribile e quindi ottima per l’organismo.

Nei paesi sudamericani la farina di tapioca viene utilizzata per creare molteplici ricette e addirittura anche per fare il pane. Attenzione però perché questa farina ha anche un enorme potere calorico: 100 grammi appena di tapioca equivalgono a 350 calorie.

Questo la rende un ottimo alimento per i bambini in via di crescita – il suo valore nutrizionale è simile a quello della crema di riso che di solito si dà ai piccoli durante lo svezzamento – ma è un cibo da evitare assolutamente se si vuole perdere qualche chilo di troppo.

Chiaramente, essendo un alimento altamente calorico e quindi dolce – grazie all’amido in esso contenuto -, se soffrite di diabete statene alla larga.

tapioca
farina di tapioca

La farina di tapioca è anche ottima per tutti coloro che soffrono di intolleranza al lattosio ed hanno problemi a digerire il latte.

Se il gusto del latte ad alta digeribilità che trovate in commercio proprio non vi piace, potreste sempre aiutarvi con la farina di tapioca. Aggiungerne infatti un cucchiaino ad un bicchiere di latte lo rende più leggero e facilmente digeribile.

Essendo una sostanza vegetale, la tapioca non contiene scorie dannose per l’organismo il che la rende la migliore amica del tratto intestinale. Può essere infatti utilizzata anche come alimento alternativo per coloro che soffrono di coliti e altri disturbi legati alla digestione.

La tapioca inoltre non contiene glutine quindi la sua farina è l’ideale per chi è affetto da celiachia; nei negozi potete trovarla anche con il nome di farina di manioca.

Come si usa la tapioca?

Come abbiamo già detto, è possibile trovare a pochi euro nei negozi la farina di tapioca. Attenzione, perché nonostante questo alimento sia ormai da anni importato dal Sudamerica in Europa, può capitare a volte che non sia quella originale.

Spesso la tapioca che troviamo in vendita nei paesi dell’Unione è in effetti il risultato di un mix di farine come quella di riso o di frumento o di fecola di patate.

In sostanza, il valore nutrizionale resta quasi lo stesso ma, se avete assaggiato la farina di tapioca originale, noterete di certo una discrepanza di sapori.

tapioca
perle di tapioca

Detto questo, la farina di tapioca può essere utilizzata in molti modi. Come vi abbiamo già accennato, è l’ideale per i bambini ed è quindi ottima per insaporire ed arricchire brodi, minestre e passati di verdura, aumentandone così contenuto calorico senza però risultare pesante in fase digestiva.

La farina di tapioca è inoltre molto utili in cucina utilizzata come addensante. Avendo proprietà simili a quello dell’amido di mais o della fecola di patate, può essere usata come sostituto di questi ingredienti in alcune ricette.

Oltre alla farina, in commercio potete anche trovare quelle che in gergo culinario si chiamano perle di tapioca. Le perle sono in effetti delle piccole palline di tapioca ma che possono essere utilizzate nello stesso modo e quindi sciolte in minestre o vellutate o utilizzate come addensanti e dolcificanti.

Tapioca ricette

Di ricette con la tapioca, che sia essa in farina o in perle, ce ne sono davvero tante e la maggior parte hanno origini sudamericane. Se siete quindi ansiosi di provare questo nuovo e ‘misterioso’ alimento, vi proponiamo alcune ricette facili da realizzare comodamente a casa.

Pappa mais e tapioca

tapioca
crema di mais e tapioca

Partiamo da una ricetta adatta ai più piccoli, in età da svezzamento, una pappa saporita per i bimbi e facile per le mamme da preparare. Ecco gli ingredienti:

  • 200 ml di brodo vegetale (fatto con 1 carota, 1 patata e 1 zucchina)
  • 2 cucchiaini e mezzo di crema di mais e tapioca [si trova già pronta in commercio]
  • 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di parmigiano

Mettete in una pentolina con l’acqua, la patata, la carota e la zucchina sbucciate a pezzettini senza aggiungere sale. Fate cuocere per un’ora e avrete un perfetto brodo vegetale.

Quando il brodo si sarà ‘asciugato’, spegnete sotto il fornello e filtrate il liquido con un colino per evitare che residui o filamenti possano finire nella pappa. Mettete quindi il brodo filtrato in una ciotola, aggiungete la crema di mais e tapioca e con una forchetta piano piano amalgamate il tutto.

Condite poi con olio e parmigiano e servite al vostro bimbo. Vedrete che si leccherà i baffi!

Beiju de tapioca

tapioca
beiju de tapioca – versione salata

Passiamo adesso ad una ricetta per adulti, facilissima e molto gustosa, adatta soprattutto per la stagione estiva e che è un must della cucina sudamericana. Si tratta in effetti di crispelle (simili a crepes) fatte con la farina di tapioca. Ecco gli ingredienti:

  • perle di tapioca
  • sale (quanto basta)

Prendete una padella antiaderente e fatela riscaldare bene sul fuoco. Una volta che la padella è calda, disponete poi e perle di tapioca in maniera uniforme, formando uno strato non troppo spesso. Il calore farà sciogliere lentamente i granuli che diventeranno un unico strano bianco e flessibile.

Quando la tapioca è ancora ‘liquida’ aggiungete un pizzico di sale e poi, con molta delicatezza, girate la crespella, facendo cuore anche l’altro lato.

Fate attenzione alla cottura perché richiede tempi molto brevi; non alzate troppo la fiamma e fate attenzione che il colorito resti sempre molto chiaro. Una volta cotta la crespella, condite a piacere con ad esempio formaggio fresco e verdure oppure salsa tzatziki, pollo e pomodori.

tapioca
beiju de tapioca – versione dolce

Potete anche provare a realizzare la versione dolce delle crespelle semplicemente sostituendo al sale lo zucchero a velo e scegliendo una farcitura dolce come nutella, marmellata ecc ecc.

Budino di tapioca

tapioca
budino di tapioca e frutta

Parliamo ora di un vero classico, il budino di tapioca, ovvero un dolce al cucchiaio amato sia da grandi che piccini. Ecco gli ingredienti:

  • 500 ml di acqua
  • 250 ml di latte di cocco (va bene anche quello normale o di riso)
  • 175 gr di zucchero di canna
  • 120 gr di perle di tapioca
  • 1 pizzico di sale
  • frutta fresca per condire

Mettete in ammollo le perle di tapioca nell’acqua tiepida per circa un’ora poi scolatele e infine cuocete con 500 ml di acqua a fuoco medio. Durante la cottura aggiungete poi lo zucchero, un pizzico di sale e il latte di cocco.

Continuate a cuocere girare con un mestolo fin quando non vedrete il composto diventare gelatinoso e semi trasparente. A questo punto spegnete il fornello e versate il composto ancora caldo in stampini per budino.

Potete usare quelli di alluminio usa e getta, quelli di vetro (attenzione solo che siano adatti per le alte temperature) o anche quelli di silicone oppure potete optare per una semplice coppetta di vetro trasparente o una tazza.

Lasciate raffreddare gli stampini per un po’ e poi metteteli in frigo per almeno 12 ore. Il giorno successivo, tagliate la vostra frutta fresca preferita a pezzettini e servite con il budino freddo.